Ortodonzia funzionale

Molto spesso chi sceglie di intervenire sull’allineamento dei propri denti con un trattamento ortodontico lo fa per una motivazione prettamente estetica: i denti storti o disallineati possono in effetti compromettere il sorriso e l’armonia del nostro viso. C’è però anche un altro aspetto da tenere in considerazione, ossia le implicazioni funzionali della malocclusione.

Non tutti sanno infatti che i denti disallineati possono provocare disturbi anche di tipo funzionale, legati alla respirazione, alla pronuncia delle parole o alla postura. Una dentatura irregolare è a volte il sintomo di un problema molto più profondo, che riguarda uno squilibrio della struttura ossea e dell’articolazione temporo-mandibolare.

È qui che interviene l’ortodonzia funzionale, la branca dell’odontoiatria che studia le malocclusioni e si propone di risolvere i problemi funzionali dei denti storti.

Ortodonzia funzionale per bambini

Identificare in modo precoce gli squilibri della crescita ossea significa poterli correggere tempestivamente prima che si manifestino del tutto e provochino problematiche più complesse. Il trattamento di ortodonzia funzionale è infatti molto efficace, pur risultando poco invasivo.

Quali problematiche risolve l’ortodonzia funzionale?

Malocclusioni, asimmetrie, difetti del morso: sono alcune delle situazioni che si possono correggere con l’ortodonzia funzionale in modo preventivo.
  • malocclusioni
  • difetti del morso: morso incrociato, morso inverso, morso profondo
  • problematiche connesse alla masticazione o alla respirazione
  • affollamento dentale e denti storti
  • difetti di pronuncia
  • asimmetrie facciali
In tutti i casi l’ortodonzia funzionale garantisce un trattamento efficace e poco invasivo.